Vuoi mettere le pelli di foca e salire in cima in puro stile scialpinistico e poi volare in discesa sulla tua tavola da snowboard? Non hai bisogno sia degli sci che della tavola, perchè ormai da anni esiste un mix che ti permette di godere del meglio dei due mondi. Esploriamo quindi il pianeta – ancora poco popolato da italiani – delle migliori tavole splitboard.

Le migliori offerte

OffertaBestseller No. 1
Bestseller No. 6
Nitro Vertical SPLITTBDG'21, Attacco per Snowboard. Unisex-Adulti, Nero, L
  • La nostra rilegatura per splittboard combina il sistema Spark facile e veloce da montare con i nostri componenti di alta qualità e durevoli.
  • Il legame verticale Split Board è dotato della tecnologia Nitro Recline Highback, First Track Ankle Straps, il nostro Vibram EcoStep Trap Toe Straps Toe Cables rinforzato.
  • Il legame è stato progettato per una salita senza sforzo e una partenza comoda e sicura.
Bestseller No. 8
Nitro Squash Split BRD ´22, Snowboard Unisex-Adulti, Multicolore, 163
  • Viene fornito con la perfetta miscela di float in polvere e permette anche le corse più profonde grazie al Sidecut e al camber
  • Questo splitboard conico Directional Swallowtail ti permette di godere di ogni turno, mentre la tecnologia sinterizzata Speed Formula HD Base garantisce una velocità adatta
  • Il Squash Split si basa sul nostro squash originale e porta tutto ciò che conosce ora nel più profondo backcountry

I migliori modelli

Che cosa sono le tavole spliboard

Una splitboard è essenzialmente un normale snowboard che si può dividere in lunghezza in due metà. Queste metà diventano sci per le salite e le uscite di scialpinismo, per poi ritornare snowboard in discesa.

Per consentire allo splitboarder di sciare in salita, le pelli di foca con retro adesivo sono attaccate alla soletta degli sci per fornire trazione sulla neve.

Una volta in cima, lo sciatore si toglie le pelli, aggancia i due sci insieme e si trasforma di nuovo in uno snowboarder, pronto per una divertente discesa su neve fresca.

Splitboard: i pro

  1. Comodità in salita. A differenza delle ciaspole, gli sci non ti costringono ad alzare il piede e a camminare nella neve, risparmiandoti un bel po’ di fatica. Con le splitboard separate sotto ai piedi puoi fare il passo pattinato, come con gli sci di fondo. Inoltre avere sotto ai piedi due sci di grandi dimensioni assicura maggiore galleggiabilità, in particolare sulla neve morbida e farinosa
  2. Sollievo per la schiena. Portarsi una tavola da snowboard sulla schiena non è comodo, per ovvi motivi. E non si può certo usare uno snowboard per sciare in salita… Certo alcuni zaini da sci con attacco da snowboard ti aiutano nel trasporto, ma se il freeride è la tua passione prima o poi ti stancherai di questo peso.
  3. Le discese saranno una favola.Una volta raggiunta la vetta devi semplicemente ricollegare le due metà della splitboard, che si trasformerà in snowboard. In discesa non devi portarti nello zaino le ciaspole o i minisci, oltre a tutta l’attrezzatura che devi comunque avere con te, e puoi goderti la fresca con la tua tavola.
  4. I tuoi piedi ti ringrazieranno. La splitboard ti permette infatti di usare i tuoi scarponi da snowboard. E se hai provato sia degli scarponi da sci che degli scarponi da snowboard, non avrai dubbi sul fatto che degli scarponi morbidi da snowboard battano quegli da sci 10 a 0.

Splitboard: i contro

  1. Il prezzo. Le splitboard non sono certo regalate, e non sono quindi indicate per principianti o freerider occasionali. Per chiari motivi una splitboard costa molto più di una tavola da snowboard non divisibile. E sicuramente molto di più di un paio di ciaspole. Inoltre devi aggiungere le pelli di foca ed un adattatore per i tuoi attacchi, se non era già incluso con la tavola.
  2. Limiti sul ghiaccio. Un fondo ghiacciato non è l’ideale per le splitboard, e se poi è anche molto ripido e devi andare di lamina può essere veramente un problema. In linea di massima nei traversi duri è molto più difficile usare le due metà di una splitboard piuttosto che le ciaspole o gli sci. L’uso dei ramponi diventa praticamente obbligatorio.
  3. La trasformazione sci-snowboard non è immediata. Niente di drammatico, ma comunque qualche minuto ci vuole. Per risparmiare tempo si potrebbe pensare di usare le due metà divise (a sci) per scendere qualche tratto, ma non è esattamente così. Certamente potrai farci un paio di curve e forse qualche centinaio di metri, ma niente di più. Gli attacchi in configurazione split non sono fatti per la velocità, inoltre il ripellaggio può essere un problema se le pelli restano bagnate (ma questo è un problema anche per gli sciatori).

Tavole splitboard: guida all’acquisto

Le diverse categorie di splitboard

  1. Splitboard per scialpinismo: se il tuo obiettivo è scalare grandi vette o esplorare valli innevate, ti prepari a fare molto dislivello e percorrere molti chilometri. La scelta di una splitboard leggera ti aiuterà a viaggiare in modo più efficiente e a risparmiare energia. Una tavola realizzata in fibra di carbonio è la tua opzione principale, ma sarà un po’ più costosa. Se per te è fuori budget, cerca una tavola leggera che utilizzi la fibra di vetro. Presta attenzione anche alla forma e al profilo della tavola e considera di sceglierne una con uno shape direzionale e un profilo camber o camber/rocker. Questi tendono a fornire una migliore presa di spigolo e una salita più efficiente rispetto alle tavole che hanno una forma a doppia punta e rocker pronunciato.
  2. Splitboard per la neve fresca: le tavole orientate alla “polvere” sono in genere molto larghe nella parte anteriore e affusolate verso la coda. Alcune splitboard da neve fresca sono più corte in lunghezza di uno snowboard tipico ma un po’ più larghe, il che crea molta superficie per un buon galleggiamento.
  3. Splitboard all-mountain: possono variare da direzionale a doppia punta e da camber a rocker. Per la scelta ti consigliamo di iniziare guardando il tipo di snowboard che usi ora. Se ti piace la tua tavola e ti senti a tuo agio, trova una splitboard con specifiche simili.

Lunghezza delle tavole splitboard

La scelta della splitboard di lunghezza ideale è molto simile alla scelta della giusta lunghezza di uno snowboard convenzionale. Il modo più semplice per farlo è consultare una tabella delle taglie che elenca le lunghezze della tavola appropriate per le gamme di peso corporeo.

Indicativamente:

Peso boarder Lunghezza splitboard
50-55 kg 128–136 cm
55-60 kg 133–141 cm
60-65 kg 139–152 cm
65-70 kg 149–157 cm
70-75 kg 154–162 cm
75-80 kg 159–167 cm
80+ kg 160+ cm

Una volta che hai un’idea generale della giusta lunghezza, considera il tuo stile sulla neve e il tipo di terreno che intendi esplorare, in modo da poter decidere se andare più lungo o più corto.

Se hai uno snowboard da freeride o da polvere e ti ci trovi bene, probabilmente sarai felice con la splitboard della stessa misura.

Se attualmente usi una tavola da freestyle, potresti volere una splitboard più lunga di qualche centimetro per prestazioni migliori sulla neve soffice.

Una splitboard più lunga sostiene il tuo peso corporeo e quello della tua attrezzatura meglio di una più corta, per un eccellente galleggiamento. Durante le salite, la lunghezza extra fornisce una migliore scorrevolezza, quindi una migliore efficienza.

Una tavola più corta è invece in genere più leggera di una più lunga, il che può avvantaggiarti nelle uscite con molto dislivello. È anche più manovrabile, rendendo più facili le curve strette.

Camber: pro e contro

I modelli camber sono definiti dalla sezione centrale rialzata della tavola.

Pro:

  • Buona presa: il contatto continuo di spigolo fornito dal camber crea una buona presa di spigolo, in particolare su neve più dura. Questo si fa sentire sia in discesa che in salita.
  • Stabilità in curva: la buona presa di spigolo crea una sensazione stabile durante le curve.
  • Buon controllo in velocità: le tavole camber hanno una stabilità che consente di gestire una discesa veloce e aggressiva.

Contro:

  • Meno galleggiamento sulla neve: senza il nose e il tail rialzati delle tavole rocker, le tavole camber generalmente non galleggiano altrettanto bene nella neve profonda e soffice, sia in discesa che in salita.

Rocker: pro e contro

Prendi l’esatto opposto del modello camber e hai il rocker: è un arco continuo che si incurva dal centro dello snowboard in modo che la testa e la coda della tavola si sollevino dalla superficie della neve.

Pro:

  • Buon galleggiamento sulla neve soffice: con una punta e una coda che si sollevano dalla neve, uno snowboard rocker ti aiuta a rimanere a galla nella neve fresca.
  • Buona manovrabilità: il minor contatto con il bordo consente una svolta facile e agile.

Contro:

  • Meno controllo dei bordi: il vantaggio di una buona manovrabilità ha un costo. Meno contatto di spigolo significa che potresti avere meno controllo e presa sulla neve più dura, sia che tu stia andando in discesa o risalendo un pendio ripido.
  • Meno grip durante la salita: molti fattori influiscono sull’aderenza durante la salita, inclusa la tecnica, la qualità della pelle da arrampicata e le condizioni della neve. Detto questo, è indubbio che una splitboard con rocker consentirà un minor contatto pelle-neve rispetto a una tavola con camber, a causa del modo in cui testa e coda si sollevano dalla neve.

Splitboard ibride: camber/rocker

La maggior parte delle splitboard moderne combina camber e rocker per avere il meglio di entrambi i mondi. I produttori di snowboard hanno sviluppato molte varianti di camber/rocker, ma le caratteristiche tipiche sono:

  • Buon galleggiamento: anche se non così pronunciato come uno snowboard completamente rocker, il rocker nella punta e nella coda dello snowboard consente alla tavola di rimanere a galla sulla neve soffice.
  • Buon controllo di spigolo: il camber sotto i piedi fornisce alcune delle caratteristiche di tenuta di spigolo di una tavola completamente camber.
  • Buona presa durante la salita: il camber sotto il piede mantiene un buon contatto di spigolo e un contatto pelle-neve per una presa affidabile durante le salite.

Forma delle tavole splitboard

Quasi tutti gli splitboard sono classificati come direzionali o twin direzionali. Un modo semplice per decidere cosa prendere è guardare la forma del tuo snowboard convenzionale e acquistare qualcosa di simile.

Le caratteristiche delle due forme sono:

  • Direzionali: queste tavole hanno tipicamente un nose (testa) più lungo e una coda più corta, il che le rende ideali per andare principalmente in una direzione. Il loro flex asimmetrico è generalmente più rigido nella coda per un buon carving e più morbido nel naso per un buon galleggiamento. (Il flex è un valore che varia da 1 a 10 ed esprime il grado di flessibilità della tavola).
  • Twin direzionali: queste tavole sono simili ai veri snowboard twin (quelli che sono completamente simmetrici nella forma e nel flex), ma di solito hanno una posizione leggermente arretrata e i profili di flex e shape possono variare da nose a coda. Le twin direzionali sono splitboard versatili e sono ottime in molte condizioni diverse.

Larghezza delle tavole splitboard

Le splitboard, come gli snowboard normali, sono disponibili in diverse larghezze, e molte volte un singolo modello è disponibile nelle versioni normale e larga.

La scelta della giusta larghezza ha a che fare con il modo in cui i tuoi scarponi da snowboard si adattano alla tavola. Proprio come con uno snowboard tradizionale, la giusta larghezza consente alle punte e ai talloni degli scarponi di sporgere leggermente dai bordi della tavola (circa 1–2 cm su ciascun bordo). Questo ti consente di ottenere una buona leva durante la svolta.

Se la tua tavola è troppo larga potresti non essere in grado di fare abbastanza leva per manovrare facilmente da un bordo all’altro.

Se la tua tavola è troppo stretta le dita dei piedi e i talloni sporgono troppo e rischi di trascinarli nella neve durante le curve, il che potrebbe farti perdere il controllo.

Il miglior modo per scegliere è basarsi sulle tabelle che si trovano sui siti dei vari brand produttori di splitboard, o cercare qualcosa di simile allo snowboard che già abbiamo.

Vale la pena sottolineare che ci sono una manciata di splitboard che sono un po’ più larghe della media. Queste tavole sono progettate per fornire un eccellente galleggiamento in polvere davvero profonda.

Flex

In generale, le splitboard sono più rigide delle loro controparti da snowboard convenzionali. La rigidità aggiunta aiuta a fornire buon controllo e tenuta di spigolo sia in salita che in discesa. Inoltre supporta il peso di tutta l’attrezzatura extra per lo scialpinismo che stai portando in uno zaino.

Detto questo, ci sono gamme di flex anche tra le splitboard. La chiave per ottenere il flex giusto per te è scegliere una tavola fatta per il tipo di riding che più ti piace fare.

Ad esempio, se ti piace andare veloce e hai bisogno di una tavola con prestazioni ad alta velocità, ne vorrai una con un flex rigido.

Se sei più uno snowboarder all-mountain che viaggia in un’ampia varietà di condizioni e terreni, forse una tavola con un flex medio sarà più versatile.

Se ti piace fare curve da surf e sfrecciare nella neve fresca, potresti anche cercare un flex morbido.

Vale anche la pena notare che molti produttori di splitboard variano il flex per tutta la lunghezza della tavola. Ad esempio, una tavola può essere più rigida vicino alla coda per una buona presa di spigolo e carving, e più morbida vicino al nose per galleggiare su neve soffice.

Materiali

I materiali utilizzati negli strati superiori di una splitboard influenzano il peso e la rigidità della tavola. Sebbene i produttori presentino molte opzioni, le due scelte principali sono fibra di vetro e carbonio.

La fibra di vetro è comunemente usata, è conveniente e può essere applicata in diversi modi per ottenere determinati gradi di flessibilità. Ma è anche più pesante e meno rigida del carbonio.

Il carbonio si trova in una manciata di splitboard di fascia alta per ridurre il peso e aumentare la rigidità. L’aggiunta di carbonio può aumentare notevolmente il prezzo, quindi ti consigliamo di valutare se ne hai davvero bisogno.

Se farai molte uscite a lunga distanza con un grande dislivello, la riduzione del peso del carbonio potrebbe valere la spesa aggiuntiva.

Sistemi di fissaggio

Tutte le splitboard hanno clip posizionate sulla punta e sulla coda e lungo la cucitura centrale, che aiutano a mantenere i due sci saldamente bloccati insieme quando la tavola è impostata per lo snowboard in discesa.

Alcune clip ti consentono di regolare la loro tensione in modo da poter eliminare qualsiasi gioco che potrebbe svilupparsi nel tempo. Questo ti assicura di poter tenere unite le due metà della tavola.

Alcune clip invece ruotano in modo da non essere sbattute o impigliate in qualcosa mentre stai salendo.

Tradizionalmente, i produttori di splitboard hanno dovuto praticare dei fori attraverso la tavola per installare le clip, lasciando le teste dei bulloni esposte sulla base. Ma alcuni brand stanno escogitando modi per evitarlo, ottenendo una base liscia per la migliore qualità di guida.

Punti di attacco delle pelli

Alcune splitboard hanno punti di attacco dedicati per le pelli da arrampicata per tenerle saldamente in posizione. Questa non deve essere una priorità assoluta, visto che le pelli hanno sistemi di attacco che funzionano con tutte le splitboard, ma può essere una bella caratteristica se stai cercando un modo per decidere tra una tavola e l’altra.

Inoltre, alcuni modelli hanno anche pelli pretagliate disponibili per risparmiarti la fatica di tagliarle.

Rinforzo di punta e coda

Andare fuori pista significa che avrai più opportunità di sbattere contro alberi, rocce e altri ostacoli. La maggior parte dei produttori di splitboard per questo motivo rinforza le proprie tavole nelle aree vulnerabili.

Una cosa da cercare in particolare è il rinforzo della punta e della coda. Con la tua tavola divisa, le punte e le code degli sci splitboard sono più a rischio di essere danneggiate. Per questo motivo, molti produttori vi includono metallo.

Attacchi delle splitboard

Le tavole splitboard sono pensate tanto per la salita quanto per la discesa, quindi connettono gli attacchi in due modi diversi:

  1. Per risalire, gli attacchi fanno da perno, esattamente come succede nello sci alpinismo.
  2. Per la discesa, gli attacchi invece si bloccano in uno stance (distanza tra piede anteriore e posteriore) da snowboard.

Ogni brand sviluppa una propria tecnologia che funziona esclusivamente con attacchi compatibili.

Le migliori offerte

Dopo questa panoramica sulle tavole splitboard, diamo un’occhiata alle offerte che si trovano su Amazon. Nel capitolo successivo proporremo invece le nostre recensioni dei migliori modelli secondo noi.

OffertaBestseller No. 1
Bestseller No. 6
Nitro Vertical SPLITTBDG'21, Attacco per Snowboard. Unisex-Adulti, Nero, L
  • La nostra rilegatura per splittboard combina il sistema Spark facile e veloce da montare con i nostri componenti di alta qualità e durevoli.
  • Il legame verticale Split Board è dotato della tecnologia Nitro Recline Highback, First Track Ankle Straps, il nostro Vibram EcoStep Trap Toe Straps Toe Cables rinforzato.
  • Il legame è stato progettato per una salita senza sforzo e una partenza comoda e sicura.
Bestseller No. 8
Nitro Squash Split BRD ´22, Snowboard Unisex-Adulti, Multicolore, 163
  • Viene fornito con la perfetta miscela di float in polvere e permette anche le corse più profonde grazie al Sidecut e al camber
  • Questo splitboard conico Directional Swallowtail ti permette di godere di ogni turno, mentre la tecnologia sinterizzata Speed Formula HD Base garantisce una velocità adatta
  • Il Squash Split si basa sul nostro squash originale e porta tutto ciò che conosce ora nel più profondo backcountry

Le 5 migliori splitboard: recensioni

K2 Marauder

La K2 Marauder è una tavola spliboard consigliata ai boarder di livello avanzato che hanno bisogno di un modello reattivo e resistente che si senta leggero sotto i piedi.

Un leggero assottigliamento nella coda la porta ad affondare nella neve fresca e a sollevare la punta. Combinato con una battuta d’arresto, il tuo peso viene quindi naturalmente spostato all’indietro, il che significa che non devi fare molto lavoro con le gambe.

Il profilo Combo utilizza un mix di camber e rocker per darti prestazioni ottime su ogni tipo di neve. Il camber è il profilo più popolare tra gli snowboarder esperti in quanto fornisce potenza, dinamismo e transizioni rapide.

Il rocker è posizionato sulla punta e sulla coda per dare alla tavola una sensazione morbida sotto i piedi e ti aiuta a iniziare le virate senza prendere uno spigolo.

Il materiale principale della splitboard K2 Marauder è un nucleo BAP, realizzato con tre specie di legno provenienti da fonti sostenibili. Il nucleo BAP è leggero ma altamente resistente, avvolto con uno strato in fibra di vetro Biax per aumentare la durata della tavola.

Le stringhe in carbonio intrecciate nella fibra di vetro si estendono dal naso alla coda, guidando la potenza attraverso la tavola per aumentare la risposta senza influenzare la torsione.

Dal materiale resistente fino alla base sinterizzata (il materiale è pressato per aumentare la sua densità molecolare: sono solette più veloci e costose, si trovano su tutte le tavole di gamma medio-alta), questa splitboard è progettata per durare stagione dopo stagione. Dandoti la sicurezza necessaria per scalare la montagna e affrontare pendii ripidi e canali “polverosi”.

Jones Frontier

La Jones Frontier è una splitboard ideale per chi si approccia per la prima volta a questo tipo di tavole: non è solo uno dei modelli più convenienti sul mercato, è anche uno dei più versatili.

Il profilo del camber è una parte importante della versatilità di Frontier Split. Il camber è abbastanza potente da mantenere la linea della tavola in condizioni difficili, e i profili del rocker in entrambe le sezioni del nose e della coda conferiscono alla tavola grande morbidezza e sensazione di gallaggiamento.

Mentre la forma è leggermente direzionale, lo noterai a malapena quando si tratta di fare un 180. Molte splitboard sono progettate con contorni ultra-direzionali, ma la Frontier non perde davvero le prestazioni del freeride e consente una corsa molto più versatile e orientata al freestyle.

Gli strati in fibra di vetro Biax racchiudono un’anima in legno di pioppo, che sicuramente riduce il prezzo, ma offre comunque ai boarder una buona quantità di risposta e durata in uno schema flessibile facile da controllare.

La Frontier incarna la natura ibrida dello splitboard meglio di qualsiasi altro prodotto sul mercato. Questa è davvero una splitboard per tutti.

Yes. Optisplistic Spliboard

Spesso sono le piccole cose che contano in una splitboard, sia nel bene che nel male. Avere un profilo full camber come nella Optisplistic non è troppo comune sulle split moderne, ma in modalità walk assicura che l’intera base della tavola sia a contatto con la neve.

Questo significa che hai la massima superficie disponibile mentre avanzi in salita. Per chi ha dubbi sulle sue prestazioni durante la discesa, non c’è da temere. La combinazione di conicità, battuta d’arresto e profilo a coda di rondine garantisce un galleggiamento ampio nelle giornate di neve profonda.

Amplid Splitboard Milligram

L’Amplid Milligram è la splitboard ultraleggera più innovativa sul mercato. Le nuove regolazioni del profilo della tavola le conferiscono prestazioni ancora migliori in polvere senza sacrificare gli altri parametri.

In salita si sente particolarmente il peso ridotto. Il camber con Early Rise Rocker ti fa salire bene anche nella neve fresca e con i traversi duri cammini come su rotaie.

In discesa, per una splitboard in carbonio, la Milligram è abbastanza morbida, e la messa a punto e la progressione la rendono la tua compagna affidabile per qualsiasi tipo di uscita scialpinistica.

È una delle splitboard più versatili sul mercato. Estremamente stabile sul bordo, intaglia superbamente, è molto vivace e ti fa uscire dalle curve in velocità.

Jones Solution Spliboard

La 3D Contour Base 3.0 usata in questa splitboard segna un cambio di paradigma. Un’idea in gestazione da alcuni anni e finalmente attuata: sia il naso che la coda hanno una sottile forma a cucchiaio sul loro profilo. L’idea ha avuto origine dall’osservazione delle tavola da surf, e i suoi vantaggi sono più o meno gli stessi.

I principali sono tre: scorrevolezza, flusso e galleggiamento. Riducendo l’attrito nei punti di contatto, la tavola è molto meno soggetta a strappi, incastri o qualsiasi contrazione in condizioni variabili. Quando inizi una virata, la sensazione è fluida e progressiva, mentre il galleggiamento è migliorato dal modo in cui il profilo del naso aiuta a spostare la neve da sotto la tavola.

Anche la forma è stata ridisegnata quest’anno. C’è un leggero aumento della conicità della Solution che consente alla coda di affondare un po’ di più e mantiene il naso sopra la superficie.

Il camber arretrato, i bordi interni/esterni Traction 3.0 e il flex di rigidità media rendono la Solution preparata per le condizioni variabili e la natura altamente mutevole dell’alta stagione.

Aggiungiamo che questa tavola, oltre a essere lo stato dell’arte in termini di tecnologia splitboard, è anche realizzata con un occhio di riguardo all’ambiente e un ciclo di produzione ecosostenibile.