Escursione del Lagorai

Lago Calaita – Foto di Parcopan.org

L’escursione del Lagorai è un percorso ad anello che comprende il Lago di Calaita, Cima Folga e Cima Grugola, cime minori rispetto alle altre della zona. Il tragitto parte dal piccolo Lago di Calaita per inoltrarsi subito nel bosco e raggiungere la Malga Grugola.

Breve introduzione sulla meta

Il paesaggio del Lagorai si apre quando saliamo lungo il ruscello Grugola, vedremo che la vegetazione sarà meno fitta. Arriviamo poi a Forcella Folga ma attenzione perché il percorso non è segnalato molto bene. A questo punto ci aspetta una salita che ci porterà verso Cima Folga.

Una volta arrivati potremo fermarci ad ammirare la vista mozzafiato. Da qui poi riprende il percorso lungo il crinale che porta a Cima Grugola. Scendendo per la via del ritorno possiamo fare anche una piccola sosta al Lago Pisorno, un luogo misterioso soggetto a leggende metropolitane. Il percorso da qui in poi ci porterà nel punto in cui siamo partiti, ovvero il Lago di Calaita.

Scheda Tecnica

Difficoltà: media

Tipo di percorso: E / EE

Lunghezza TOTALE a + r: 10,8 km

Durata TOTALE a + r: 5:28 h

Dislivello: 943 m

Punto più basso: 1.604 m

Punto più alto: 2.406 m

Luogo di Partenza: Rifugio Miralago

Punti di appoggio: Rifugio Miralago, Malga Grugola

Cartografia: Carta Tabacco 022 “Pale di San Martino” (clicca qui se hai bisogno di acquistarla)

Come arrivare al punto di partenza e dove parcheggiare

E’ possibile raggiungere la località di Calaita in diversi modi, dall’auto ai mezzi pubblici. Per quanto riguarda l’auto è possibile percorrere diverse strade in base alla direzione in cui ci troviamo.

Possiamo prendere:

  • l’A13 (Bologna-Padova) uscita Padova Sud o Padova Ovest,
  • l’A4 (Torino-Trieste) fino a Vicenza + A31(Vicenza-Valdastico) uscita Dueville,
  • l’A22 (Modena-Verona-Brennero) uscita Trento Sud.

Dopo aver preso l’uscita dobbiamo seguire in tutti i casi la SS47 della Valsugana (direzione Bassano/Trento) fino a Cismon del Grappa. Da qui prendere la SS50bis (direzione Feltre/Belluno) fino ad Arten. Seguire poi le indicazioni per Primiero, San Martino e Passo Rolle fino ad arrivare nella valle di Primiero.

Prendere poi la strada per Canal San Bovo e seguire le indicazioni per Lago Calaita, la nostra destinazione. Se invece arriviamo dall’A22 (Modena-Verona-Brennero) dobbiamo prendere l’uscita Egna-Ora (BZ) e la SS48 (direzione Val di Fiemme – Val di Fassa) fino a Predazzo. Il resto della strada è uguale a quella descritta precedentemente.

Se invece decidiamo di spostarci con i mezzi pubblici possiamo scegliere tra l’autobus e scendere alla fermata Calaita oppure possiamo prendere il treno ma le fermate più vicine sono Trento e Feltre.

Una volta scesi dal treno dobbiamo comunque prendere l’autobus. Nel periodo estivo è più facile trovare un flusso di gente maggiore, quindi meglio contattare un’agenzia per il turismo, soprattutto se decidiamo di muoverci con i mezzi. Per quanto riguarda il parcheggio possiamo trovare diversi posti gratuiti in località Calaita.

Itinerario e sentieri da seguire

L’itinerario da seguire per fare il giro ad anello del Lagorai parte dal parcheggio che si trova nella località Calaita, vicino al lago. Bisogna imboccare una strada con direzione Malga Grugola. Dopo soli cento metri ci troviamo davanti ad un incrocio, dobbiamo seguire il sentiero 347 andando verso la Malga Grugola, uno dei posti di appoggio nel sentiero. Successivamente seguiamo le indicazioni per Forcella Folga e prendiamo il sentiero numero 358.

Prima di arrivare alla Malga Grugola ci troviamo davanti a dei pascoli e possiamo ammirare una vista stupenda verso le Pale di San Martino e sulle Vette Feltrine. Una volta superata la Malga (possiamo anche fermarci per una sosta) continuiamo a percorrere il sentiero 358.

Malga Grugola

Malga Grugola – Foto di Hotel Mirabello

Inizia da qui il percorso immerso nella vegetazione in cui può essere più difficile seguire le tracce del sentiero. Dobbiamo arrivare a Forcella Folga e da qui superiamo il Lago delle Giarine, davvero piccolo e quasi sempre asciutto.

Da qui bisogna proseguire per il sentiero 347 e ci troviamo davanti a pendii erbosi abbastanza ripidi e vari saliscendi che ci permettono di arrivare alle due cime, Cima Folga e Cima Grugola. Questo è forse il punto più difficile da intraprendere ma ne vale la pena. Continuando il percorso dobbiamo seguire le indicazioni per l’Alpe Pisorno, facendo una piccola deviazione per il Lago Pisorno, che si trova sotto Cima Arzon.

Cima Folga

Cima Folga – Foto di Gsamontello.it

Siamo quasi arrivati a destinazione, dobbiamo solo scendere verso il corso di Rio Val Pisorno e ci troveremo davanti al lago di Calaita. Le indicazioni sono sempre abbastanza chiare in tutto il percorso, alle volte alcuni cartelli possono essere un po’ sbiaditi ma non è difficile orientarsi essendo un percorso ad anello.

E’ pericoloso?

Il percorso non presenta grandi difficoltà o pericoli. L’ambiente è molto selvaggio ed è possibile ammirare diversi panorami. E’ un’escursione adatta a chi ama la natura e cerca un po’ di pace. Alcuni punti sono stati anche rinnovati di recente e quindi si presentano più agibili. Per quanto sia abbastanza semplice da percorrere non è comunque una semplice passeggiata quindi potrebbe essere difficile da percorrere per persone anziane o bambini molto piccoli o per chi non è minimamente allenato.

Abbigliamento e attrezzatura consigliata

Anche se non è un percorso pericoloso è comunque abbastanza impegnativo. Prima di partire ricordiamoci sempre di portare l’attrezzatura giusta. Dobbiamo indossare il tipico abbigliamento da montagna: impermeabile, felpa, pantaloni lunghi e comodi, calze di ricambio, pile o felpa pesante.

E’ consigliato usare scarponi da trekking e uno zaino comodo che contenta acqua e pranzo al sacco nel caso in cui volessimo fermarci a mangiare. Se lo riteniamo necessario, possiamo portare del materiale informativo e cartina della zona. Portiamo sempre una crema solare perché in alta montagna potremmo bruciarci, per questo è importante anche avere sempre un cappello in testa. Chi ha bisogno di un appoggio può prendere dei bastoncini telescopici, utili per non scivolare.

Qui sotto trovi diverse offerte di articoli che ti potrebbero essere utili se ancora non li hai, e ricorda che se ti serve qualsiasi articolo da montagna, visita il nostro negozio online e le numerose ed utili recensioni –> VAI AL NEGOZIO

Scarponi con suola Vibram

OffertaBestseller No. 1
Salewa MS Mountain Trainer Mid Gore-Tex, Scarponi da Trekking e da Escursionismo Uomo, Grey, 42 EU
  • Leggero e confortevole scarpone da trekking da uomo: Mountain Trainer Mid GTX di Salewa è uno scarpone da trekking leggero da uomo, realizzato in resistente pelle scamosciata e tessuto antiabrasione
  • Intersuola con tecnologia Bilight: la suola di questi scarponi da montagna da uomo è a doppia densità, per cui garantisce un’elevata ammortizzazione, ed è ergonomicamente sagomata; ciò garantisce un buon supporto e il massimo comfort anche durante le escursioni più lunghe
  • Suola Vibram Wrapping Thread Combi (WTC): questi scarponi da montagna da uomo sono provvisti della suola leggera Vibram Wrapping Thread Combi (WTC), che garantisce un’andatura sempre confortevole

Bastoni

OffertaBestseller No. 1
Glymnis Bastoni Trekking Bastoncini da Trekking 3 Sezioni Lunghezza Regolabile 65-135cm in Alluminio 7075 con Sistema di Blocco Rapido e Impugnatura in Sughero per Escursioni Blu
  • Materiali Ottimi: I bastoncini da trekking Glymnis sono realizzati in alluminio 7075, un bastone pesa solo 279 grammi, estremamente leggero. La punta della bastoni è in acciaio al tungsteno, ha una grande resistenza. Le due maniglie sono in sughero e in materiale EVA ad altà densità, antiscivolo e resistenza all'usura
  • Impugnatura in sughero+in EVA: L'impugnatura in sughero offre un'eccellente resistenza e buona maneggevolezza e mantenere le mani sempre asciutte. In salita, tenere la seconda maniglia in EVA può aiutarti non bisogna regolare la lunghezza
  • Sistema di bloccaggio rapido: Il nostro bloccaggio rapido può regolare la lunghezza chiaramente e preciso. Facile da regolare e portare, è la scelta perfetta per ogni escursione

T-shirt traspirante

OffertaBestseller No. 1
Salewa Puez Dry W S/S, T-Shirt Donna, Rosso (Rose Red Melange), 42
  • Prodotto di marca Salewa
  • Fondo posteriore allungato
  • Struttura ottimale della manica per una ottima libertà di movimento

Pile

OffertaBestseller No. 1
Columbia Fast Trek Light, Giacca in pile con cerniera, Uomo
  • Maglia di pile adatta a tutto l'anno sia di giorno che di notte, per escursioni, trail running e attività all'aperto, Active fit
  • Pratica chiusura a zip intera, 2 tasche con cerniera per tenere le mani al caldo e i vostri oggetti personali al sicuro
  • Ulteriore protezione da freddo e vento con il micropile morbido e leggero e al colletto alto

Giacche antivento

OffertaBestseller No. 1
Salewa Puez (Aqua 3) Giacca, Uomo, Premium Navy/4570, L
  • Cappuccio fisso preformato e regolabile: il modello Puez Aqua 3 da uomo è una giacca hardshell a 2,5 strati con una membrana impermeabile e traspirante Powertex
  • Maniche ergonomiche preformate: questa giacca antipioggia da uomo, impermeabile e traspirante, offre la massima funzionalità e protezione durante le escursioni in montagna
  • Cerniera frontale con patta antivento interna: questa giacca outdoor da uomo è provvista di una finitura impermeabile con cuciture saldate, in grado di proteggere in totale sicurezza contro vento e intemperie

K-way

Pantaloni tecnici

Bestseller No. 1
BenBoy Pantaloni Trekking Donna Invernali Impermeabile Caldo Pantaloni Softshell Outdoor Pantaloni da Arrampicata Escursionismo,KZ1812-Black-S
  • Pantaloni Softshell sono costituiti al 92% da poliestere e dall'8% di spandex, impermeabili, antivento, caldi e resistenti all'abrasione.
  • Vita elastica parziale con chiusura a fibbia, cintura inclusa, vestibilità perfetta; morbido tessuto foderato in pile per il massimo comfort.
  • 4 tasche di sicurezza con cerniera, comode per tenere al sicuro le tue cose mentre ti muovi; le ginocchia patchwork utilizzano un panno resistente e antiabrasione.

Borracce

Bestseller No. 1
Flintronic Portatile Borraccia, 500ML Termica Bottiglia Acciaio Inox Bottiglia Acqua d'Acqua Sportive Coppa da Viaggio con Spazzola per Scuola, All'aperto, Yoga, Palestra (Mantenere Caldo/Freddo)
  • 【12 ORE CALDO/FREDDO】 La bottiglia può mantenere la tua bevanda CALDO/FREDDO fino a 12ore. Questa bottiglia d'acqua viene fornita con l'acciaio inossidabile 18/8 della migliore qualità disponibile, resistente alla corrosione e alla ruggine. La bottiglia d'acqua da 350ml/500ml/750ml può soddisfare le esigenze di tutti.
  • 【A PROVA DI PERDITE】 La bottiglia d'acqua da viaggio è dotata di un tappo isolante e a tenuta stagna. Il coperchio in acciaio inossidabile può prevenire fuoriuscite accidentali. Questa borraccia multifunzionale è facile da trasportare ovunque tu vada.
  • 【SENZA BPA E SICUREZZA ALIMENTARE】 Goditi il tuo tè, latte, caffè o altre bevande con questa bottiglia d'acqua. Una borraccia sportiva rispettosa dell'ambiente per mantenerti idratato. 100% a prova di perdite, senza BPA e senza ftalati può essere protetto per tutta la famiglia!

Crema solare

OffertaBestseller No. 1
PIZ BUIN Crema Solare, Montagna, 50+ SPF, Protezione Solare Molto Alta, Filtro Solare UVA/UVB, Protezione Vento e Freddo, 50 ml
  • Piz Buin Crema Solare Montagna è specificamente sviluppata per condizioni di alta quota; protezione per il viso da vento, freddo, sole, 50 SPF
  • Filtri solari UVA/UVB e un estratto di Stella Alpina, che aiutano a proteggere la tua pelle dal sole e dai danni a lungo termine
  • Arricchiti con Cold Shield Complex, per un’idratazione duratura e una protezione contro il freddo estremo e il vento

Occhiali

Bestseller No. 1
Julbo Trip - Occhiali da sole da uomo, blu opaco, taglia M
  • Vetro in policarbonato
  • Categoria di protezione: 3
  • Stile di vita

Quando andare?

Il periodo migliore per fare il percorso ad anello del Lagorai è tra Maggio e Novembre. L’estate è sicuramente la stagione ideale, nonostante il sole in alta montagna può essere molto forte, quindi ricordiamoci di mettere sempre la crema solare anche all’ombra. Evitiamo i periodi invernali troppo freddi perché l’escursione può diventare molto più difficile da percorrere con la neve e le basse temperature.

Meteo

Dove dormire

Puoi cercare degli alloggi nei dintorni di Fiera di Primiero per esempio.

Utilizza il box di ricerca qui sotto per trovare un alloggio.

PRENOTA ORA E DISDICI QUANDO VUOI !


Booking.com