Escursione al Rifugio Biella + Sennes da S.Uberto

Rifugio Biella

Nelle Dolomiti possiamo trovare tantissimi paesaggi meravigliosi e perderci tra le montagne più belle d’Italia. Il rifugio Biella è la prima tappa dell’Alta via n.1, nel comune di Cortina d’Ampezzo. Sorge nel gruppo della Croda Rossa d’Ampezzo, tra l’Alpe di Fosses e Croda del Becco. Si tratta di una tappa importante per chi vuole scoprire questa zona, oltre al fatto che arrivati al rifugio possiamo assaggiare i buonissimi piatti tipici delle dolomiti, come il dolce ai frutti di bosco fatto in casa.

Breve introduzione sulla meta

Le Dolomiti stupiscono sempre con dei paesaggi meravigliosi e sembra di essere dentro una favola ad ogni sentiero. In questo percorso possiamo ammirare le grandi vallate, da raggiungere attraverso sentieri un po’ ripidi ma facilmente percorribili.

Non è un sentiero facile ma neanche difficile, inoltre è possibile fare diverse pause nei vari rifugi che incontriamo lungo la via. Per arrivare al Rifugio Biella lasciamo la macchina presso la località di Sant’Uberto. Qui possiamo trovare parcheggio gratuito. Possiamo decidere di dividere il percorso in due giorni per goderci di più tutto ciò che troviamo nei dintorni. Se vogliamo optare per l’itinerario di un giorno dovremo essere ben allenati e fare solo le cose principali, senza intraprendere sentieri secondari.

Scheda Tecnica

Difficoltà: difficile

Tipo di percorso: E

Lunghezza TOTALE a + r: 20,7 km

Durata TOTALE a + r: 7 h

Dislivello: 1.053 m

Punto più basso: 1.442 m

Punto più alto: 2.327 m

Luogo di Partenza: Località di Sant’Uberto

Punti di appoggio: Ristoro Malga Ra Stua, Rifugio Biella, Rifugio Sennes

Cartografia: Tabacco n° 03 Cortina d’Ampezzo e Dolomiti Ampezzane (clicca qui se hai bisogno di acquistarla)

Come arrivare al punto di partenza e dove parcheggiare

L’itinerario parte dal parcheggio di Sant’Uberto, che possiamo raggiungere facilmente in auto o con l’autobus. Con quest’ultima opzione però il tragitto si allunga di circa 40 minuti, dato che la fermata dell’autobus è un po’ lontana dal punto di partenza del percorso. Per arrivare a Sant’Uberto dobbiamo imboccare la strada statale 51 che da Cortina va a Dobbiaco.

Itinerario e sentieri da seguire

L’itinerario inizia lasciando l’auto a S. Uberto, al primo tornante dopo Fiames, precisamente sulla strada che va da Cortina a Dobbiaco. Il percorso inizia con una strada asfaltata di 3 km chiusa al traffico e ci porta fino alla Malga Ra Stua, prima tappa del nostro itinerario. Io però ho deciso di salire non per la strada asfaltata che farò al ritorno, ma per il bosco e quindi più a sinistra della strada asfaltata, sentiero numero 6. Nella mappa infatti puoi vedere che il percorso del ritorno è diverso da quello dell’andata.

La parte in mezzo al bosco è molto suggestiva anche dalla presenza di un torrente, quindi almeno in andata o in ritorno consiglio di farla!

Arriviamo a Malga Ra Stua dove possiamo ammirare la natura selvatica e mangiare i piatti tipici del posto. Da qui percorriamo una carrareccia con una salita abbastanza leggera, dopo un solo chilometro troviamo anche un punto in cui possiamo fare rifornimento di acqua.

Si arriva a Ciampo de Crosc, giriamo a destra imboccando il sentiero 26 con destinazione rifugio Biella. Strada facendo incontreremo due laghetti. La strada inizia ad essere in forte pendenza fino al bivio, in cui bisognerà girare a destra per arrivare al rifugio Biella. Gli ultimi due chilometri presentano un paesaggio lunare e possiamo ammirare la Croda del Becco.

Al ritorno si prende il sentiero 6 e  sarà possibile raggiungere il Rifugio Sennes, circondato da grandi rocce distese, il paesaggio è davvero meraviglioso e vale la pena fermarsi.

E’ una delle attrazioni di questo percorso, sempre compreso nell’itinerario perchè si tratta di un luogo davvero suggestivo, oltre al fatto che potremo fermarci per una sosta. Lungo il nostro percorso incontreremo rocce, molti alberi maestosi e incantevoli vallate.

Arriviamo nuovamente a Malga Ra Stua dove magari una buona birra potrebbe essere il tuo premio di questa fatica 🙂

Se hai fatto la parte di bosco in salita, ora potresti optare per la parte di strada asfaltata fino al parcheggio S.Uberto come suggerito nella mappa.

Foto scattate durante l’escursione

Dopo la bella salita ripida…

Si vedono i due laghetti

Finalmente si vede il Rifugio Biella 😉

Paesaggi lunari …

Panorama dal Rifugio Sennes

Pausa birra a Malga Ra Stua 🙂

Alternative al percorso

Per accorciare l’escursione, si può partire da Malga Ra Stua. E’ possibile però arrivare con la propria auto tranne i mesi di Luglio e Agosto. In questi due mesi si può però prendere la navetta. Maggiori informazioni qui.

In questo modo risparmierete 3 Km andare e 3 Km tornare.

E’ pericoloso?

Il sentiero non è pericoloso ma è molto lungo. Si tratta di un percorso impegnativo e in certi tratti diventa parecchio ripido.

C’è chi dal Rifugio Biella decide di vedere anche i dintorni e in quel caso potrebbe essere ancora più difficile perché si va molto in alto, ma possiamo decidere di fermarci lì. Il percorso non ha comunque alternative perché bisogna salire sempre dalla Malga Ra Stua.

Abbigliamento e attrezzatura consigliata

L’abbigliamento consigliato per questo tipo di percorso è quello tipico da montagna. Ovviamente varia in base alla stagione in cui decidiamo di andare e al meteo. In ogni caso, è consigliato vestirsi “a cipolla” ovvero con vari strati, dal più leggero al più pesante.

Portiamo sempre con noi uno zaino capiente che può contenere i vestiti in eccesso che magari dobbiamo toglierci per il troppo caldo, così da non avere ingombri. Possiamo decidere di portare con noi i bastoncini da trekking, così da avere più equilibrio in situazione delicate. Nel caso in cui troviamo sentieri molto fangosi questi bastoncini possono venire in nostro soccorso. Ovviamente non può mancare una borraccia d’acqua e il pranzo al sacco, a meno che non decidiamo di fermarci a mangiare i piatti tipici del posto in un rifugio.

Non dimenticare di indossare degli scarponi decenti, meglio se con suola Vibram!

Qui sotto trovi diverse offerte di articoli che ti potrebbero essere utili se ancora non li hai, e ricorda che se ti serve qualsiasi articolo da montagna, visita il nostro negozio online e le numerose ed utili recensioni –> VAI AL NEGOZIO

Scarponi con suola Vibram

OffertaBestseller No. 1
Salewa MS Rapace Gore-TEX Scarponi da trekking e da escursionismo, Night Black/Kamille, 45 EU
  • Leggero e comodo scarpone da trekking da uomo: Salewa Rapace GTX sono scarponi da trekking leggeri, impermeabili e traspiranti da uomo, realizzati in Nubuck resistente e un tessuto resistente all’abrasione
  • Intersuola con tecnologia Bilight: la suola di questi scarponi da montagna da uomo è a doppia densità, per cui assicura ammortizzazione, ed è ergonomicamente sagomata, in modo da offrire il ottimo supporto e comfort anche durante le escursioni più lunghe
  • Suola Vibram Wrapping Thread Combi WTC: questi scarponi da montagna da uomo sono provvisti della suola leggera Vibram Wrapping Thread Combi WTC, che assicura un’andatura sempre confortevole

Comunque io non ho resistito ed in maniera compulsiva ho preso questi bellissimi Salewa in Gore Tex e suola ovviamente Vibram con uno sconto quasi del 50%! Spero che anche tu possa usufruire di questa speciale offerta.

CLICCA QUI PER VEDERE SE SONO ANCORA IN OFFERTA!

Bastoni

OffertaBestseller No. 1
Glymnis Bastoni Trekking Bastoncini da Trekking 3 Sezioni Lunghezza Regolabile 65-135cm in Alluminio 7075 con Sistema di Blocco Rapido e Impugnatura in Sughero per Escursioni Blu
  • Materiali Ottimi: I bastoncini da trekking Glymnis sono realizzati in alluminio 7075, un bastone pesa solo 279 grammi, estremamente leggero. La punta della bastoni è in acciaio al tungsteno, ha una grande resistenza. Le due maniglie sono in sughero e in materiale EVA ad altà densità, antiscivolo e resistenza all'usura
  • Impugnatura in sughero+in EVA: L'impugnatura in sughero offre un'eccellente resistenza e buona maneggevolezza e mantenere le mani sempre asciutte. In salita, tenere la seconda maniglia in EVA può aiutarti non bisogna regolare la lunghezza
  • Sistema di bloccaggio rapido: Il nostro bloccaggio rapido può regolare la lunghezza chiaramente e preciso. Facile da regolare e portare, è la scelta perfetta per ogni escursione

T-shirt traspirante

Bestseller No. 1
SALEWA PUEZ Dry M S/S Tee Hiking Shirt, Electric Melange, 52-54 Uomo
  • Maglietta funzionale in cotone Dry'ton per escursioni e trekking
  • Il tessuto elasticizzato traspirante a 2 vie combina il cotone per il comfort con il poliestere traspirante per prevenire il surriscaldamento o il raffreddamento
  • Asciugatura rapida

Pile

Bestseller No. 1
Amazon Essentials Giacca Invernale in Pile Morbida a Maniche Lunghe con Zip a Tutta Lunghezza e vestibilità Classica Donna, Nero, S
  • Vestibilità aderente ma comoda che garantisce facilità di movimento
  • Tessuto in pile termico mediamente pesante, lanuginoso, caldo e morbido
  • Un brand Amazon

Giacche antivento

OffertaBestseller No. 1
SALEWA PUEZ Light PTX M Jkt
  • Giacca hardshell superleggera, completamente impermeabile e traspirante, con dimensioni minime per lo zaino
  • La finitura ecologica DWR (Durable Water Repellent) e le cuciture nastrate assicurano la migliore protezione anche in condizioni climatiche difficili in montagna
  • Zip frontale con patta interna antipioggia a tutta lunghezza

K-way

Pantaloni tecnici

Bestseller No. 1
DAFENP Pantaloni Trekking Uomo Softshell Pantaloni Montagna Escursionismo Impermeabili Caldo Invernali All'aperto KZ1662M-ArmyGreen2-XL
  • Pantaloni softshell uomo: 92% poliestere, 8% spandex, comodi e resistente all'usura
  • Pantaloni trekking uomo: la vita regolabile con cintura consente una vestibilità comoda
  • Eleganti pantaloni da lavoro uomo con una tasca cargo con cerniera sulla coscia, tasche di sicurezza sul davanti e sul retro e un resistente ginocchio

Borracce

Bestseller No. 1
Ion8 Sottile, Borraccia Senza Perdite, Senza BPA Unisex, Blu Navy, 500 ml
  • Borraccia senza perdite 100%
  • il cappuccio dell'ugello igienico si apre con un dito e può essere bloccato in modo sicuro
  • bottiglia con sfiato, a flusso libero per una rapida idratazione

Crema solare

OffertaBestseller No. 1
PIZ BUIN, Crema Solare, Montagna, Protezione Solare Alta, 30 SPF, Filtro Solare UVA/UVB, Protezione Vento e Freddo 50ml
  • Piz Buin Crema Solare Montagna è specificamente sviluppata per condizioni di alta quota; protezione per il viso da vento, freddo, sole, 30 SPF
  • Filtri solari UVA/UVB e un estratto di Stella Alpina, che aiutano a proteggere la tua pelle dal sole e dai danni a lungo termine
  • Arricchiti con Cold Shield Complex, per un’idratazione duratura e una protezione contro il freddo estremo e il vento

Occhiali

Bestseller No. 1
Queshark Occhiali Ciclismo CE Autentica Polarizzati con 5 Lenti Intercambiabili Occhiali Bici Antivento e Antiappannamento Occhiali Sportivi da Sole Anti UV da Uomo Donna per Corsa, MTB e Running
  • 【TR90 leggero, più facile da trasportare】 Tutti i telai sono realizzati interamente in TR90 leggero e resistente e non ti sentirai a disagio anche dopo averli indossati per molto tempo. La confezione degli occhiali da sole da ciclismo utilizza un materiale più leggero, che può essere appeso in vita ed è più conveniente.Totale 13 tipi di colore per la scelta.
  • 【Pratica sostituzione delle lenti】 La differenziazione di altri occhiali da sole sportivi per sostituire le lenti richiede quasi la decomposizione degli occhiali - La lente di ricambio per occhiali da sole sportivi Queshark può essere completata in un semplice passaggio, togli la lente dal lato superiore sinistro e destro del telaio, metti la lente è necessario sostituire e finire.
  • 【Cinque lenti sostituibili】 Tutte le lenti sono resistenti al 100% ai raggi UV400 per bloccare i dannosi raggi UAV e UAB. Ripristina la luce naturale della scena, elimina l'astigmatismo e protegge perfettamente gli occhi. La principale è una lente colorata, una lente polarizzata grigia per una forte luce solare; lenti trasparenti per giornate nuvolose e uso quotidiano in sicurezza. Lenti per visione notturna gialle per giornate nuvolose o di notte.

Quando andare?

Il periodo migliore per andare al Rifugio Biella è da giugno a settembre, dato che fa più caldo e le strade sono più agevoli e si evita il rischio di trovare neve. Il periodo invernale andrebbe evitato perché la montagna può essere rischiosa in questo periodo, non solo per la neve ma anche per altri agenti atmosferici che potrebbero rendere il percorso più pericoloso.

Se vogliamo avventurarci meglio controllare il meteo e contattare il rifugio per sapere se i sentieri sono facilmente percorribili.

Meteo

Dove dormire

Puoi cercare degli alloggi nei dintorni come per esempio Cortina, Selva di Cadore, San Cassiano.

Utilizza il box di ricerca qui sotto per trovare un alloggio.

PRENOTA ORA E DISDICI QUANDO VUOI !


Booking.com