L’escursione al Similaun, la più nota tra le cime della Val Senales, è ambita da tutti gli appassionati alpinisti. Appartenente alle Alpi Retiche, traccia di fatto il confine tra Italia e Austria. Nel 1991 il posto è assurto al clamore della cronaca per il ritrovamento della mummia Ötzi, risalente all’età del rame, conservatasi proprio grazie ai ghiacciai. Dagli attrezzi ritrovati accanto ai resti, pare fosse un pastore nomade. Oggi è possibile ‘fare la sua conoscenza’ a Bolzano, recandosi al museo archeologico dell’Alto Adige. Ma, al di là di questo importante ritrovamento, la località incarna per gli amanti della montagna quel fascino d’eterno che solo i panorami d’alta quota sanno offrire.

Scheda Tecnica:

Difficoltà: Difficile

Tipo di percorso: EEA

Lunghezza TOTALE a + r: 15,8km

Durata TOTALE a + r: 12 h

Dislivello: 1886 m

Punto più basso: 1711 m

Punto più alto: 3772 m

Luogo di Arrivo: Cima Similaun

Punti di appoggio: Rifugio Similaun

Cartografia: Carta Tabacco 04 (clicca qui se hai bisogno di acquistarla)

Come arrivare al punto di partenza e dove parcheggiare

Il punto di partenza consigliato è sicuramente Vernago. Qui troverete il parcheggio (non custodito) della diga dell’omonimo lago artificiale, creato negli anni ’50, alimentato dal Rio Senales. Il paese dista circa un’ora dalla città di Bolzano; bisogna arrivare a Merano e da lì imboccare la SS 36 fino a Senales: da qui seguire la strada provinciale che vi porterà a destinazione. La distanza totale è di 34km ma, chi non volesse utilizzare l’auto, potrà servirsi della linea bus SAD 261 che, ben tre volte al giorno, collega Merano a Vernago.

Itinerario e sentieri da seguire

Proprio nei pressi del parcheggio, è indicato il sentiero da percorrere per raggiungere il Rifugio Similaun, con segnavia n°2. Ci si incammina in direzione nord-est attraversando un boschetto che si apre su un pianoro dove si trova il Rifugio Tisa, un antico maso. Da qui si procede verso Est e ci si addentra nel ‘Vallone’ di Tisa e per un lungo tratto il percorso è una piacevole passeggiata in una lussureggiante prateria per poi risalire i pascoli, in maniera graduale e non particolarmente impegnativa.

Vi potrà capitare di imbattervi in famiglie di camosci. Giunti nella parte più alta del Vallone il paesaggio cambia e il suolo diventa cosparso di detriti ma il sentiero rimane comunque ben visibile, con chiare indicazioni e abbastanza facile da seguire. Si giunge così alla testa del Vallone che, nella parte sinistra è sormontato dalla splendida Punta di Finale.

Da qui il sentiero è leggermente più impegnativo: la salita è più ripida, presenta dei gradoni rocciosi e dei tornanti. Tra accumuli di detriti o di neve (in base al periodo!) si arriva al Giogo Basso, l’insellatura dove è ubicato il Rifugio Similaun (3019m slm). Da qui è ben visibile il percorso che si dovrà intraprendere per la scalata anche se sarebbe preferibile fare una sosta prima di affrontare la parte più impegnativa, magari rimandandola al giorno dopo.

Dopo un piccolo passaggio su roccia, si arriva alla lingua di ghiaccio nota come la Vedretta del Giogo Basso e si inizia a salire sempre tenendo la destra, in prossimità della cresta Ovest del Similaun. D’ora in avanti la pendenza comincia ad aumentare anche se la traccia rimane ben evidente e sicura. Bisognerà aggirare a sinistra il piccolo Similaun e poi di nuovo a destra seguendo la cresta Ovest lungo il suo filo.

Questa parte del crinale è più ‘affilato’ ed esposto ma non difficile per escursionisti esperti; in breve si raggiunge la calotta ghiacciata della vetta dove è posto un Crocifisso metallico. Provate a immaginare la vastità del panorama che vi troverete ad ammirare: il Similaun è infatti considerato punto di confine di ben tre vallate. Potrete ammirare la Val Senales, la Val di Fosse e, sul versante austriaco Niedertal.

Per la discesa, dopo il dovuto riposo, è opportuno tornare sui propri passi.

Alternative al percorso

La prima salita fino a questa cima di cui si ha notizia risale al 1834, quando 2 alpinisti T. Kaserer e J. Raffeiner la conquistarono per la cresta Sud. Salirono seguendo un percorso che ancor oggi può condurre in cima: in tal caso dovrete partire da Madonna di Senales.

L’alternativa più utilizzata, e anche più breve, è quella che prevede l’uso della seggiovia. Partendo da Vernago si prosegue in auto fino a Maso Corto e lì è possibile utilizzare gli ampi parcheggi. In pochi minuti si arriva alla Croda delle Cornacchie e si comincia il percorso scendendo fino al limite della Vedretta del Giogo Alto, molto vicini al confine austriaco e al rifugio Bellavista. Bisogna attraversare alcune terrazze a lastroni e tramite alcuni passaggi rocciosi attrezzati, si arriva al Rifugio Similaun. L’ultimo tratto del percorso, per arrivare in cima, è quello già descritto. Solitamente questa soluzione è scelta da chi preferisce concentrarsi sul percorso impegnativo della parte finale.

E’ pericoloso?

Se non si è esperti, si. L’ultimo tratto agevole per gli alpinisti, risulta invece pericoloso per gli escursionisti per hobby.

Abbigliamento e attrezzatura consigliata

Abbigliamento adeguato alla montagna, in base anche alla stagione; per affrontare l’ultimo tratto portare sempre con sé una piccozza, i ramponi, il casco, una corda, i moschettoni e l’imbragatura.

Qui sotto trovi diverse offerte di articoli che ti potrebbero essere utili se ancora non li hai, e ricorda che se ti serve qualsiasi articolo da montagna, visita il nostro negozio online e le numerose ed utili recensioni –> VAI AL NEGOZIO

Scarponi con suola Vibram

Bestseller n. 1
CMP Uomo Athunis Mid Trekking Shoe Wp Scarpe da Camminata, Blu Polveroso, 43 EU
  • Tomaia in pelle scamosciata
  • Membrana impermeabile ClimaProtect
  • Puntalino per la protezione del piede

Bastoni

Bestseller n. 1
Cao Camping - Coppia di Bastoncini da Trekking telescopici, Verde
  • Coppia di bastoni telescopici regolabili: 3 sezioni da 66 a 145 cm. 2 clip di fissaggio. Punta in acciaio e punta in gomma (ammortizzatore). Rondella da rando. Impugnatura ergonomica con cinturino regolabile.

T-shirt traspirante

OffertaBestseller n. 1
SALEWA Puez Melange Dry M S/S Tee, T-Shirt Uomo, Quiet Shade Melange, L
  • Struttura a tassello della manica per un'ottima libertà di movimento
  • Vestibilità normale
  • Fondo posteriore allungato

Pile

OffertaBestseller n. 1
Columbia Fast Trek II Full Zip Fleece Giacca in Pile, Uomo, Nero (010), L
  • Giacca in pile con cerniera dal taglio classico da uomo, Elevato comfort in tutte le stagioni
  • La tasca con cerniera mantiene le mani calde e i vostri oggetti di valore come smartphone, ecc. al sicuro e protetti dal rischio di cadute.
  • Colletto alto per offrire calore e protezione contro gli elementi

Giacche antivento

Bestseller n. 1
Salewa Puez Aqua 3 Powertex Hardshell Jck, Giacca Uomo, Blu (Cloisonne/0910), 48/M
  • Cappuccio fisso preformato e regolabile: il modello Puez Aqua 3 da uomo è una giacca hardshell a 2,5 strati con una membrana impermeabile e traspirante Powertex
  • Maniche ergonomiche preformate: questa giacca antipioggia da uomo, impermeabile e traspirante, offre la massima funzionalità e protezione durante le escursioni in montagna
  • Cerniera frontale con patta antivento interna: questa giacca outdoor da uomo è provvista di una finitura impermeabile con cuciture saldate, in grado di proteggere in totale sicurezza contro vento e intemperie

K-way

OffertaBestseller n. 1
RAIN BASICO GIALLO FLUO
  • Loghi ricamato
  • Zip intera;
  • Cappuccio estraibile a scomparsa;

Pantaloni tecnici

Bestseller n. 1
DAFENP Pantaloni Trekking Uomo Softshell Pantaloni Montagna Escursionismo Impermeabili Caldo Invernali All'aperto KZ1662M-Black2-M
  • Pantaloni softshell uomo: 92% poliestere, 8% spandex, comodi e resistente all'usura
  • Pantaloni trekking uomo: la vita regolabile con cintura consente una vestibilità comoda
  • Eleganti pantaloni da lavoro uomo con una tasca cargo con cerniera sulla coscia, tasche di sicurezza sul davanti e sul retro e un resistente ginocchio

Borracce

Bestseller n. 1
AMYANT Borraccia Sportiva 1L con cannuccia e indicatore del tempo motivazionale, a prova di perdite senza BPA per appassionati di fitness e attività all'aperto (Viola verdastro)
  • Materiale: realizzata in plastica di copoliestere Tritan riutilizzabile di qualità alimentare, questa bottiglia d'acqua è 100% priva di BPA e tossine, inodore e sano. Perfetto per palestra, allenamento, ufficio e ricreazioni all'aperto.
  • Cita motivazionale e indicatore del tempo: con una citazione ispiratrice unica e indicatori del tempo, questa bottiglia d'acqua è ideale per misurare la tua assunzione giornaliera d'acqua, ricordandoti di tenerti idratato e bere abbastanza acqua per tutto il giorno. Un must per ogni obiettivo di fitness, tra cui perdita di peso, controllo dell'appetito e salute generale.
  • Caratteristiche: il coperchio a ribalta è progettato con una chiusura sicura, quindi è a prova di polvere e perdite. Basta aprire con una mano facendo clic sul pulsante. Dispone di un popote in silicone che ti permette di bere a prova di fuoriuscite.

Crema solare

Bestseller n. 1
PIZ BUIN Crema Solare, Montagna, 50+ SPF, Protezione Solare Molto Alta, Filtro Solare UVA/UVB, Protezione Vento e Freddo, 50 ml
  • Piz Buin Crema Solare Montagna è specificamente sviluppata per condizioni di alta quota; protezione per il viso da vento, freddo, sole, 50 SPF
  • Filtri solari UVA/UVB e un estratto di Stella Alpina, che aiutano a proteggere la tua pelle dal sole e dai danni a lungo termine
  • Arricchiti con Cold Shield Complex, per un’idratazione duratura e una protezione contro il freddo estremo e il vento

Occhiali

OffertaBestseller n. 1
ALPINA , Glace Unisex Adulto, All Black Matt, Taglia unica
  • Occhiali Urban Style
  • Protezione laterale rimovibile
  • La lente specchiata riflette i raggi infrarossi

Quando andare?

Il periodo migliore è da metà giugno a fine settembre, durante il quale si trovano le migliori condizioni meteo e ambientali.

Meteo

Dove dormire

Puoi cercare degli alloggi a Senales.

Utilizza il box di ricerca qui sotto per trovare un alloggio.

PRENOTA ORA E DISDICI QUANDO VUOI !


Booking.com

Altre informazioni utili

L’itinerario è, per l’ultimo tratto, consigliabile solo agli escursionisti esperti, muniti di apposito equipaggiamento. È inoltre consigliabile dividere il percorso in due giornate, proprio perché la seconda parte, più impegnativa, va affrontata dopo ben 3,5h di cammino che servono per raggiungere il rifugio Similaun (da sempre adottato come campo base per l’ascesa al ghiacciaio).

Curiosità

Per creare il lago di Vernago è stato necessario sommergere delle costruzioni preesistenti. Nei periodi in cui il livello dell’acqua è più basso, è possibile scorgere il campanile della vecchia chiesa del paese.

Confrontando le foto di oggi con quelle scattate poco più di vent’anni fa, si può notare l’ampia riduzione del ghiacciaio, frutto di un inesorabile riscaldamento globale.