Nessun corridore ama l’idea di essere messo ai box da un infortunio fastidioso o doloroso e, grazie ai progressi della tecnologia, la scelta del giusto paio di scarpe da corsa potrà aiutarti. Un aspetto importante da considerare quando si acquistano scarpe nuove e che ti aiuterà a prevenire infortuni è comprendere il concetto di drop.

Ma che cos’è il “drop” nelle scarpe da corsa

Il drop è un modo per misurare la distanza in altezza tra il tallone e l’avampiede ed è misurata in millimetri. Le scarpe sono dotate di drop diversi per tenere conto dei diversi passi durante la corsa e delle differenze del terreno su cui correrai. 

Il drop non va assolutamente confuso con lo stack, la distanza che c’è fra la pianta del piede e il suolo.

Per comprendere concretamente di cosa stiamo parlando, immagina di essere a piedi nudi su un terreno pianeggiante: il tallone e l’avampiede saranno alla stessa altezza, quindi in questo caso il drop è zero. Se indossi scarpe da corsa e il tallone è a 22 mm da terra mentre la parte anteriore si trova a 10 mm, avrai un drop di 12 mm, la distanza dal tallone alla punta. 

Tutte le scarpe da corsa della vecchia scuola venivano progettate con una discreta dose di flessibilità per adattarsi alle peculiarità del tallone ma, con l’avvento di scarpe da running specializzate, il drop si è via via ridotto per migliorare la stabilità su terreni accidentati e tenere conto dei sentieri più morbidi che potrai attraversare correndo.

Dovresti essere consapevole del fatto che il drop nelle scarpe da corsa è un concetto completamente distinto dallo spessore della suola: puoi avere suole spesse con un drop molto basso o addirittura pari a zero mentre avere delle suole sottili non sempre significa essere al livello zero. 

A che cosa serve il drop nelle scarpe da corsa? 

Fondamentalmente, più basso è il drop e maggiore sarà la tensione sul tendine d’Achille e quindi anche sui muscoli del polpaccio. Correre con le scarpe sbagliate e non adeguate alla tua andatura, ti costringerà ad una falcata innaturale che, nel tempo, potrà portare a condizioni di stress ripetitivo come dolore al tendine d’Achille, tendinite e periostite che sono l’incubo di qualsiasi corridore.

Avere un tallone leggermente rialzato durante la corsa riduce lo sforzo sui tendini e sui muscoli, il che è particolarmente utile per chi corre appoggiando il tallone al terreno. D’altra parte, un corridore che indossa scarpe con un drop più alto può essere costretto a poggiare di più verso la parte posteriore del piede, il che può causare allo stesso modo dolore e lesioni alle articolazioni.

Come scelgo le scarpe da corsa giuste? 

Fondamentalmente, dovrai impegnarti a scegliere la tipologia di drop in base al tuo passo naturale piuttosto che a ciò che desidereresti fare. Esistono molti negozi di corsa specializzati che possono aiutarti a valutare la tua andatura e la tipologia del tuo piede. Al giorno d’oggi, però, sono presenti tante guide che ti consentiranno di comprendere in autonomia qualche tipologia di drop sarà ideale per il tuo piede.

Se corri poggiando il tallone, probabilmente vorrai iniziare con il tradizionale drop di 12 mm per assicurarti un sacco di ammortizzazione in quella zona del piede. Questa altezza è consigliata anche se hai appena iniziato a correre. Se sei un attaccante del mesopiede, potresti scendere un pochino più in basso e optare per un drop di 6-8 mm e, infine, se preferisci correre senza alcuna altezza aggiuntiva come se fossi scalzo, puoi farcela con drop zero. 

Un’altra cosa da considerare è la superficie su cui prevedi di correre. La corsa su strada ha generalmente un impatto maggiore sulle articolazioni e potrebbe essere desiderabile un drop di qualche millimetro ma, se pianifichi solo la corsa su pista, potresti sacrificare un po’ di altezza a favore di una maggiore stabilità.

Nel tempo, potresti progredire verso un drop sempre più basso ma qualsiasi transizione dovrebbe essere lenta e incrementale per evitare infortuni durante la corsa.

Infine, va da sé che il drop non è l’unica cosa da considerare quando si sceglie un paio di scarpe da corsa ma dovrai anche tenere conto di fattori come peso, altezza dello stack, comfort e materiale della tomaia.

Come influisce il drop sulle prestazioni?

Vediamo come l’altezza del drop delle scarpe influisce sull’efficienza della nostra corsa. In termini di economia della corsa, studi scientifici indicano che non c’è grande differenza tra la corsa con scarpe con 4 e 0 millimetri di drop.

Un errore comune tra i runner e che non dovremmo commettere al momento dell’acquisto di una scarpa è il fatto di confondere il concetto di ammortizzazione con il drop di una scarpa da running. L’ammortizzazione tiene conto di fattori come la densità del materiale della suola e la quantità di schiuma presente e non c’è nessuna relazione diretta con il drop

Un altro parametro che è strettamente correlato al drop pur non essendo la stessa cosa, è il profilo. Il termine profilo si riferisce allo spessore della suola in generale, indipendentemente dalla differenza tra tacco e punta. Un profilo alto nel tallone è appropriato per i modelli da allenamento o per i corridori più pesanti. Con un’altezza del profilo più alta si può perdere stabilità poiché, logicamente, il piede è più lontano dal suolo e diventa un po’ più instabile, anche la propriocezione a contatto con il suolo può essere alterata.

Un profilo più basso, quindi, aumenta il contatto diretto con il terreno ed è indicato per i runner più leggeri ed esperti che cercano velocità e sensazione di leggerezza.

Lesioni o infortuni con drop alto o drop basso

È importante sapere quali fastidi possono essere associati alle due diverse opzioni. Le scarpe con drop basso favoriscono un primo contatto iniziale con la parte anteriore del piede (zona metatarsale), il piede è solitamente posto ad una leggera flessione plantare grazie all’attivazione dei muscoli della parte posteriore della gamba, principalmente polpacci e soleo. Per questo motivo questo tipo di scarpa aumenta il lavoro a livello della caviglia e lo riduce a livello del ginocchio.

Al contrario, le scarpe con drop alto facilitano il contatto iniziale del tallone con il terreno, favorito da una maggiore flessione della caviglia a causa dei contrafforti alti di questo tipo di scarpe. Tutto ciò può causare alcuni infortuni. Quindi possiamo affermare che, a livello puramente teorico, le scarpe con drop basso possono aumentare il rischio di lesioni al tendine d’Achille, al polpaccio e soleo mentre le scarpe con drop alto possono alterare maggiormente lo stato di forma del ginocchio.

Vediamo ora, nello specifico, le tipologie di scarpe presenti sul mercato in base all’altezza del drop.

Tipologie di Drop scarpe da running

Zero Drop

Conosciute come scarpe da corsa minimaliste, una scarpa a zero drop è una scarpa da corsa che non ha differenza di altezza tra il tallone e l’avanpiede. La popolarità delle scarpe da corsa zero drop è iniziata circa un decennio fa: alcune ricerche in merito hanno suggerito che correre con una scarpa zero drop somigliava ad essere scalzi durante la corsa. 

Queste scarpe non hanno una vera ammortizzazione sotto il tallone o presso la parte anteriore e un semplice e sottile strato di materiale tra il piede e il suolo. 

Anche se non ci sono molti modelli sul mercato, potrai trovare una scarpa ammortizzata a drop zero. Con una calzatura simile avrai un impatto minore sulle ginocchia ma ricorda che questo tipo di scarpe da running tendono a sollecitare maggiormente la parte inferiore della gamba.

Brooks Hyperion Elite 2

Le Brooks Hyperion Elite 2 sono scarpe uniche perché hanno un drop di 0mm , ovvero la differenza di altezza tra il tallone e la punta è zero. Questo aumenta le sensazioni al suolo, creando la sensazione come se il corridore fosse scalzo . Ecco perché sono consigliati per corridori con battistrada neutro che hanno una tecnica ben sviluppata. Tuttavia, nonostante il drop inesistente, le scarpe hanno un alto livello di ammortizzazione, grazie alla mescola assorbente DNA Flash. Ciò consente loro di rendere al 100%, soprattutto per i corridori abituati alla lunga distanza e di peso medio.

Brooks Pureflow 7

Brooks PureFlow 7, Scarpe da Running Uomo, Multicolore (Nightlife/Blue/Black 761), 40.5 EU
  • La scarpa da corsa Brooks PureFlow 7 ha una struttura più leggera e leggera con una comoda vestibilità interna che permette una migliore performance in ogni corsa.

Con PureFlow 7, Brooks ha creato una scarpa che funziona per i corridori che hanno bisogno di un supporto leggermente maggiore. Somigliando più a una scarpa da corsa tradizionale, questa calzatura da running minimalista è disponibile principalmente in tavolozze di colori neutri e discreti. Una suola in gomma morbida è abbastanza indicata per strade dure e superfici di pista mentre una tomaia in mesh elasticizzato abbraccia il piede per aiutare la scarpa ad apparire il più discreta possibile.

Una nota importante: il Pureflow 7 Brooks Uomo ha un leggero supporto per l’intersuola che significa che non è tecnicamente una scarpa a goccia zero. Per coloro che sono interessati ad una sensazione da “piedi nudi” o zero-drop, vale ancora la pena dare un’occhiata attenta a questa scarpa e alle alternative sul mercato.

Ci sono molti corridori che corrono con scarpe minimaliste da anni e anni e non hanno intenzione di aumentare il drop. Per questi corridori, un brusco passaggio a una scarpa a drop zero a scarpe più alte può essere un trauma. La Brooks PureFlow 7 è, quindi, una scarpa minimalista dotata di un leggero supporto per l’arco plantare che aiuta a facilitare la transizione. Per coloro che necessitano di un certo grado di supporto dell’arco plantare, questo è il modello più vicino alla corsa a piedi scalzi.

Drop basso (1-4 mm)

Le scarpe da corsa con un drop basso sono comprese tra 1 e 4 mm. Anche queste risultano essere scarpe minimaliste poiché la scarsa altezza non modifica eccessivamente l’andatura e la tipologia di corsa. Questa tipologia di scarpa offre un po’ più di supporto al tallone e all’avampiede. Queste scarpe sono altresì un’altra buona opzione per chi vuole fare trail running.

I corridori che vogliono iniziare con un zero drop ma non sono ancora pronti per fare questo salto possono affidarsi ad una calzatura dal drop basso.

Scarpe come queste tendono ad essere leggere, con poco supporto per l’arco plantare e ammortizzazione e flessibilità dovranno provenire dalla tua corsa autonomamente.

Le scarpe con un drop basso tendevano ad essere abbastanza comuni fino agli anni ’70, quando la corsa divenne più popolare. Marchi come Nike e altri colossi del settore hanno iniziato a progettare scarpe sempre più ammortizzate. Ora che il fenomeno della corsa ha avuto un vero e proprio boom, le scarpe “low drop” stanno tornando di moda.

Saucony Endorphin Shift

Saucony Endorphin Shift 01 Scarpa da Corsa Running Jogging su Strada o Sterrato Leggero con Appoggio Neutro per Donna Bianco Azzurro 35.5 EU
  • La tecnologia SPEEDROLL ti spinge in avanti con la sensazione di slancio continuo, in modo da poter correre più velocemente, non più difficile
  • Un generoso letto di ammortizzazione PWRRUN a base di EVA fornisce una guida morbida ma elastica, perfetta per qualsiasi giorno della settimana
  • Il tallone esterno in TPU funziona all'unisono con un involucro mediale in gomma per fornire un supporto strutturale leggero che guida il piede attraverso ogni passo

Le Saucony Endorphin Shift sono scarpe da allenamento con un drop basso di 4mm, tuttavia hanno un profilo massimalista con un alto livello di ammortizzazione. Hanno l’ intersuola PwrRun, responsabile della sensazione di morbidezza e ritorno di energia per una corsa esplosiva. Queste scarpe sono consigliate per le lunghe distanze e sono perfette per i corridori pesanti oltre gli 80 chilogrammi.

Mizuno Wave Sonic

Mizuno Wave Sonic, Scarpe da Ginnastica Basse Uomo, Multicolore (Safety Yellow/Black/White 001), 43 EU
  • AIRmesh - Elimina il sudore e l'umidità in eccesso attivamente ed efficientemente.
  • DynamotionFit - Offre una maggiore efficienza dell'andatura.
  • ESS Wave - Offre un'esperienza di corsa reattiva.

Una delle grandi novità di questa stagione sono le Mizuno Wave Sonic, probabilmente le scarpe da running più rivoluzionarie del catalogo Mizuno. Potremmo classificarle perfettamente nella categoria delle scarpe da corsa lunga e resistente anche se non sono specificamente così. Infatti, i corridori con molta tecnica possono usarli in gare di 10, 15 chilometri e persino maratone. La sua versatilità è eccezionale, distinguendosi come scarpe da corsa con un basso drop di 4 mm . La tomaia offre un’ottima traspirabilità e la suola è abbastanza resistente.

Drop medio (5-8 mm)

Le scarpe “mid drop” comprese tra 5 e 8 mm rientrano ancora nella categoria delle scarpe da corsa minimaliste. Questo perché, come le scarpe basse, rendono più facile per un corridore mantenere un passo e un movimento della caviglia naturale. L’unica differenza è che assorbono un maggiore impatto rispetto alle scarpe low drop. 

Questo tipo di drop dal tallone alla punta è ancora piuttosto bassa rispetto alle scarpe da corsa standard e offrono un buon supporto sotto il tallone e sotto l’avampiede. Le scarpe mid drop potrebbero essere anche un buon punto di partenza per i neofiti della corsa che vogliono una quantità media di supporto senza distogliere troppo dal movimento naturale del tuo piede.

Questa tipologia di drop è quella tipica per le scarpe da corsa e tra le più diffuse, poiché risulta essere adatta per un’ampia varietà di corridori.

Otterrai l’ammortizzazione di cui hai bisogno nella zona del tallone con questo tipo di drop e, a partire dagli anni ’70, il modello drop 8 mm è stato quello maggiormente prodotto ed utilizzato per le scarpe da corsa. Poiché questo drop è così popolare, è disponibile una gamma molto ampia di modelli, dalle scarpe dedicate al supporto e alla stabilità fino alle scarpe da trail e mountain running.

Hoka One One Clifton 7

Offerta
HOKA ONE ONE Clifton 7 Men's 10½
  • Tomaia in rete traspirante aperta con sovrapposizioni sintetiche senza cuciture
  • Fodera in tessuto traspirante per un'usura senza abrasioni
  • Soletta imbottita in schiuma rimovibile per ammortizzare e sostenere

La Hoka Clifton 7 è una delle scarpe più famose di Hoka, facilmente riconoscibile per la sua costruzione massimalista e l’altissimo livello di ammortizzazione. Ciò le rende perfette per i corridori di peso medio-pesante che desiderano allenarsi su lunghe distanze. Nonostante abbiano un buon livello di ammortizzazione, hanno un drop di 5 mm e, quindi, non si avvertirà molta differenza nel drop tra il tallone e la punta. Questa piattaforma ammortizzante è composta da una schiuma molto morbida che offre una elevata quantità di confort durante la corsa.

New Balance Fresh Foam 1080v11

New Balance Men's Fresh Foam 1080 V11 Running Shoe, Trek/Sulpher Yellow, 9.5
  • L'ammortizzazione dell'intersuola in schiuma fresca è progettata con precisione per offrire una guida ultra imbottita e leggera
  • La costruzione superiore della scarpa abbraccia il piede per una vestibilità aderente e di supporto
  • Tomaia sintetica/mesh

New Balance fa risalire la vestibilità della versione 11 di questo modello sulle scarpe degli anni ’80 ben ammortizzate e confortevole. I corridori che le utilizzavano in passato avevano elogiato il comfort supremo dell’iterazione precedente e nulla è cambiato con la v11. Indossale per le tue lunghe corse settimanali per sentirti sostenuto ma elastico, così le tue gambe saranno fresche già dal giorno successivo. Ho altresì riscontrato che la Fresh Foam nell’intersuola è incredibilmente reattiva alla pari con le schiume più morbide di qualsiasi scarpa. La nuova tomaia aderente è la ciliegina sulla torta, anche se per qualcuno può apparire scomoda nella parte centrale del piede.

Drop alto (8+)

Un drop con una dimensione dal tallone alla punta di 8 mm o più rientra nella categoria delle scarpe “high drop” o scarpe da corsa “massimaliste”. In queste calzature il drop dal tallone alla punta può correggere i problemi che possono verificarsi nell’andatura di un corridore. Un esempio potrebbe essere quello di un iperpronatore o qualcuno il cui piede rotola verso l’interno mentre cammina o corre: un soggetto simile potrebbe essere maggiormente predisposto a distorsioni della caviglia, speroni del tallone o problemi al tendine di Achille.

Queste scarpe funzionano benissimo anche per i corridori con polpacci stretti e che soffrono già di problemi al tendine d’Achille. Se non hai un motivo specifico per indossare scarpe alte, però, possono effettivamente mettere a dura prova i fianchi e le ginocchia.

Asics Gel Nimbus 23

Offerta
ASICS Gel-Nimbus 23, Scarpe da Corsa Uomo, Piedmont Grey/Electric Blue, 44 EU
  • Scarpa sportiva asics
  • Tomaia in maglia elaborata per migliorare la traspirabilità
  • Ammortizzazione con tecnologia FlyteFoam Propel per aumentare assorbimento degli urti e reattività

Asics Gel Nimbus 23 è una delle scarpe più indicate quando si tratta di allenamento quotidiano. Nonostante sia ormai giunta alla 24esima iterazione, resta uno dei modelli più conosciuti e apprezzati dalla community dei runner. E’ dotata di una combinazione di soluzioni tecnologiche e materiali di primo livello per ottenere come risultato una scarpa dove ammortizzazione e comfort sono importanti, sia per l’allenamento che per le gare di media e lunga distanza.

Può essere utilizzata per allenamenti quotidiani, intensivi e non. E lo stesso per le corse. Se non si pensa all’idea di voler “volare” per raggiungere il traguardo nelle brevi distanze e per le gare di media e lunga distanza, queste scarpe potranno essere utili per gareggiare e raggiungere il traguardo ugualmente ma in modo più rilassato.

Il peso è di 309gr nel finale maschile e 261gr nel femminile mentre il drop è di 10 millimetri.

Brooks Glycerin 19

Offerta
Brooks Glycerin 19, Scarpe da Corsa Uomo, Blu (Navy/Blue/Nightlife), 44 EU
  • Scarpe da running
  • Intersuola DNA LOFT
  • Avvolgenza massima per una perfetta aderenza, con vestibilità flessibile

La calzatura da running Brooks Glycerin 19 è una scarpa da allenamento quotidiana per chi ha un’impronta neutra o per coloro che sono soliti usare una soletta personalizzata. Si concentra principalmente su coloro che cercano la massima ammortizzazione e appare molto morbida sia al tatto che durante la corsa.

Avendo una finitura continua, una delle novità di questa Glycerin 19 è l’uso di materiale più ammortizzato nell’intersuola. La rete, invece, viene nuovamente ritoccata per cercare una migliore vestibilità, anche grazie alla sua realizzazione con tasselli in PU creati in 3D e inseriti su entrambi i lati.

Questa scarpa può essere utilizzata da runner abituati a tutti i ritmi poiché, grazie al materiale DNA LOFT dell’intersuola, è in grado di ammortizzare dolcemente a ritmi calmi e, d’altra parte, essere più decisa e reattiva ai ritmi veloci. Per tutti i runner che desiderano correre veloce, c’è da dire che la Glycerin è un lusso per macinare chilometri e, probabilmente, per questo tipo di profilo, questa non è esattamente l’opzione indicata. La stessa Brooks offre tipologie di scarpe più in linea con queste esigenze, come Levitate o Ricochet.

Il peso di coloro che lo indossano può essere molto vario anche se, per trarne il massimo potenziale, consiglio l’acquisto ai corridori di peso medio o di peso elevato.

Rimanendo a parlare di peso, queste scarpe scendono dai precedenti 300 g a 289 g per il modello maschile mentre quello femminile passa da 268gr del modello precedente a 255gr di questa iterazione. Per entrambi i sessi il drop risulta essere di 10 mm.